Accettare o non accettare?

Grande dilemma della serata di ieri….a cui ovviamente non ho ancora risposto. Certo, non dovrei lamentarmi, soprattutto questo periodo, ma è più forte di me! sono tornata dal mio viaggio di lavoro giovedì sera e non ho ricevuto molta attenzione dal mio “lui”. Ormai la tecnologia appleiana ha preso il sopravvento sulla nostra quotidianità…giochi interattivi che durano ore: unica pausa la cena….Ieri sera sono rientrata a casa carica come un mulo di spesa, le mie fantastiche padelle in rame ristagnate, e tanto altro, devastata dalle scale…ho preparato la cena in silenzio perchè mi sono dovuta sorbire tutti i suoni e gli schiamazzi del gioco virtuale, ho pulito e messo a posto…quando provavo a chiacchierare mi sono sentita rispondere o un mugugno o un ferale “sssssssssst”. Beh devo dire che a quel punto è come se fosse esplosa una granata…..ho iniziato ad urlare e per venti minuti non ho smesso….ho parlato da sola per un po’ e poi me ne sono andata a letto. Non è un periodo estremamente ricco di impegni di lavoro per lui…sarebbe bello tornare a casa e trovare per una volta la cena…oppure ricevere una chiamata durante il giorno….”hai bisogno di qualcosa?” o semplicemente quando apro la porta di casa “Com’è andata oggi?”