Grembiule, pentole di rame e mestoli di legno…

È da un po’ che ci penso. Prima di svelarvi tutto e iniziare questa novità, mi piacerebbero i vostri consigli, qualche idea per migliorare questo mio piccolo progetto. Mi aiutate?
Allora…

Vorrei seguire l’esempio di Julie, che ha preso un libro di cucina di Julia Child e ha provato a cucinare tutte le sue ricette burrose. Lo vorrei fare anch’io, ma usando un autore diverso, magari riproponendo i piatti della tradizione trentina. Gioco in casa, meglio! Già non riuscirò a fare la stessa cosa di Julie, una ricetta a sera per me è proprio impossibile…. Ho però davanti due splendide stagioni, l’autunno e l’inverno e mi piacerebbe istituire il giovedì ai fornelli, iniziando da ottobre. Racconterò le mie impressioni, la mia spesa legata alla stagionalità, qualche curiosità riguardo il produttore e aneddoti sulla materia prima utilizzata, da dove proviene, le sue caratteristiche. Così potrò parlare delle mie valli, delle montagne, nel rispetto della stanza più importante della casa da sempre, la cucina. Userò come le nostre nonne la stufa a legna, el fogolar, dall’odore inconfondibile. Niente elettrodomestici all’ultima moda, ma grembiule, pentole di rame e mestoli di legno.

Non sceglierò un libro qualunque. Al momento non ho ancora pensato a quale utilizzare in verità, ma di sicuro sarà legato alla storia del mio territorio. Sia chiaro, non saranno semplici ricette spiegate in un articolo, il mio non è un blog di cucina. Sarà come leggere pagine di passato, arricchite di profumi e sapori di un tempo che credo oggi siano dimenticati. Nell’èra del “cibo che fa male” vorrei tornasse il piacere del palato, del pranzo in famiglia, dello stare tutti insieme a tavola per trascorrere del tempo insieme, gustando ingredienti che si trasformano in ricordi.  Qualche giorno fa con alcuni amici parlavamo di quando da piccoli dopo essere stati in chiesa qualche volta si andava a comprare un dolce in pasticceria da condividere la domenica a pranzo. Oggi queste abitudini sono diventate rarissime ed è davvero un peccato!

Accetto tutti i vostri pensieri, cosa ne pensate? Che nome posso dare alla rubrica del giovedì?