Profumi antichi di mele cotogne

Una domenica in cucina.
Ieri mattina sono stata in Val di Non perchè avevo voglia di mele. Cotogne, Napoleon, Piatlin, Belfiore e qualche pera Conference. Sono stata da Lia e Mario Savinelli alla Terrazza dei Sapori di Cagnò. Un sabato tiepido, un cielo terso e le prime tinte di rame sulle foglie degli alberi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non è stata un’annata molto fortunata per le mele a causa delle gelate primaverili e di qualche sonora grandinata estiva… quindi trovare queste varietà del passato e sentirne i profumi così diversi e così intensi, è proprio fortuna.
Sono rimasta ad osservare il paesaggio, il lago di Santa Giustina coronato dai meleti assaporando il tepore del sole sulle guance. Ho chiuso gli occhi e ho pensato a cosa avrei messo in forno il giorno dopo. La voce di Mario mi ha distolto un attimo dai miei dolci pensieri parlandomi di cosa aveva preparato la cucina: gnocchi di patate e zucca. Mi sono fermata a mangiare quel piatto casalingo e squisito insieme ad una simpatica coppia dell’Alta Val di Non, Marta e Stefano, e ho capito che nella vita basta veramente poco per essere felici. A tavola con un ottimo pasto e chiacchierando con delle persone simpatiche.
La tensione e la stanchezza del giorno prima erano svanite  improvvisamente con gli gnocchi.
Oggi mi sono svegliata presto e ho cercato tra i mille ricettari della mia libreria un dolce con le mele cotogne. Non ne ho trovate di convincenti ciò vuol dire che devo cercare nuovi libri 😀… quindi mi sono rivolta al mondo virtuale… e quella che mi è piaciuta di più è la torta antica alle mele cotogne.

Questo invece è il mio risultato:

Questo slideshow richiede JavaScript.

La torta è buonissima. Non è bella ma davvero buona… ne volete una fetta? Eccola!!

img_2853