Restare o fuggire? questo è il dilemma…

Il meteo certo non aiuta…un momento è bel tempo e due secondi dopo parte una raffica di vento che ti porta via… stavo leggendo in giardino con il tepore del sole sul viso e tutto ad un tratto nuvole e aria gelida …uff, allora torno dentro e mi metto nella mia bella cucina sul bancone a scrivere. Di sottofondo c’è un film di Tarantino che io non sopporto, così mi metto le cuffie e parte Ludovico Einaudi….adoro il suono del pianoforte…e pensare che c’è stato un tempo in cui lo odiavo…combattevo con mia sorella tutti i santi giorni perchè io volevo ascoltare le mie canzoni rock e lei doveva suonare….mamma mia, non capivo davvero niente….adesso non so cosa darei per avere un piano in casa e poterlo suonare soprattutto quando capitano giorni come questo dove un po’ tutto è nero… vorrei tanto andare, poi quando mi domando dove non c’è un posto in cui vorrei essere. Si, viaggi e vacanze sempre…ma un luogo dove vivere io ce l’ho già e lo adoro. Mi piacciono le montagne innevate, il fatto che in pochissimo tempo potrei essere in quota e starmene con gli animali che la vivono…anche se non mi muovo sento che sto scappando…sono irrequieta e nervosa e tutto mi rende insofferente. Forse è il caso di fermare i pensieri che vagano per conto loro e fanno un rumore assordante nella mia testa…forse dovrei fare una di quelle cose che hanno il potere di calmarmi, come per esempio cucinare. Potrei preparare il lievito madre, far nascere qc… si, credo sia un’ottima soluzione. così forse mi metto un po’ tranquilla ed eventualmente stasera metto una foto, così come l’ultima volta….