Diario di #Albeinmalga – Malga Sadole, Val di Fiemme 23-24 agosto

È passato decisamente molto tempo dall’ultima volta che ho postato il racconto di una delle #albeinmalga….il tempo è cambiato…è iniziato l’autunno. Mi concedo quindi un po’ di calore del ricordo di una bellissima giornata in Val di Fiemme, a Malga Sadole. No, no andiamo con ordine…da non dimenticare la splendida cena del giorno prima all’ Osteria de l’Acquarol insieme ai fortunati blogger di quel fine settimana…Proprio una serata divertente insieme a Fashion for Travel, Gabrio TomelleriMaricler e Illary’s più compagni.   
E così da non conoscersi a diventare amici è stato un attimo…
I piatti dello chef Alessandro Bellingeri sono stati una sorpresa incredibile…alla vista e al gusto un insieme di colori e di sapori che si mescolavano….
Ma sia chiaro..non erano solo belli da vedere…anche una gioia per il palato…fiori, frutti del bosco….tornerei immediatamente anche se sono le 16 del pomeriggio…

Dopo sonore risate e chiacchiere infinite la notte stava prendendo il sopravvento e mentre le ore diventavano sempre più piccole e la voglia di andare a letto era scarsissima, l’alba si avvicinava sempre più… il nostro senso di responsabilità ci ha portati ad andare a dormire verso l’una del mattino….
Sembrava di aver appena chiuso gli occhi, di aver appoggiato le palpebre da un secondo…..il suono della sveglia mi ha fatto fare un salto….in un attimo ero pronta!
Via verso un’altra alba….
Arrivati in quota era ancora buio pesto…il tempo di un caffè, due parole tra zombi (un sonno….) ed era ora di recuperare il bestiame e portarlo in stalla per la mungitura…

Le capre ci fissavano in trepida attesa…volevano attenzioni…animali curiosi!  

Per non parlare degli asini..

Dopo la mungitura, in attesa di vedere la caseificazione, abbiamo pensato bene di passare alla colazione…c’era di tutto e di più…dolce e salato… 
e le confetture, i mieli, le composte…..mhmmmm uno spettacolo!

Il giorno prendeva piede, il sole cominciava a scaldare e ad alzarsi….tutto sembrava più blu e più verde…
Qualche goccia di rugiada sulle foglie illuminavano il pascolo che sembrava una distesa di brillanti…
ecco qui la prova che io c’ero….
e qui gli amici appena conosciuti che farò fatica a lasciare…

sembrava di essere in una favola….il contrasto tra caldo e freddo creava una nebbiolina  che saliva dai prati…una giornata incantevole ci aspettava e avevamo già fatto moltissime cose…

Il gruppo, numeroso, dell’alba a Malga Sadole. Immortalati prima dell’escursione… 

Aperto il pascolo per le capre appena munte…

…si apriva il sentiero anche al nostro cammino.Tutti insieme verso passo Sadole, nel cuore del Lagorai, insieme alla guida Elena che avevamo conosciuto in una precedente Alba in malga, a Malga Sass.  

Splendido il percorso in una valle molto ampia, circondati dagli abeti di risonanza.
Qualche falcata… 

e ogni tanto una pausa, per ascoltare qualche aneddoto e qualche pezzo di storia di quella valle…

Siamo alla fine di una giornata ricca di novità, di informazioni e di grandi risate….bello!
ancora una puntata delle albe…il racconto di Malga Stablasolo in Val di Rabbi…