Fuori dalla realtà. Per un giorno.

Una giornata sul filo, tra realtà e sogno. Un posto incantevole, con le nuvole che giocavano a rincorrersi e a trasformare il bosco in un luogo di luci e ombre. Tappeti di muschio sotto gli abeti e il sospetto di vedere qualche elfo qua e là. Adoro quella sensazione di entrare in un mondo fantastico, il distacco da tutto ciò che è reale e anche solo per qualche momento dimenticarsi qualsiasi cosa.

E poi la bici, la mia splendida Snowbike che per oltre una sessantina di km mi ha accompagnato in questa magnifica fiaba. E così mi son sentita Doroty lungo il sentiero lastricato di mattoni gialli senza però incontrare leoni, spaventapasseri o uomini di latta: nel senso che sono già iniziate le vacanze pasquali e ci son stati pochissimi incontri lungo il percorso.

La pista ciclabile Dobbiaco – Lienz è davvero molto carina, quasi sempre lungo il torrente e tra profumi d’erba e sottobosco, un’aria frizzante che ti accompagna e montagne maestose ancora innevate ad incorniciare il tutto.

Il rientro (in parte) con il trenino è stato molto rilassante, per poi finire gli ultimi km nuovamente in sella. Direi che a parte una strisciata lungo una parete di legno di un ponte che mi è costata la giacca antivento, la maglia nuova, il braccio pieno di schegge e l’orgoglio…è stato un incanto.

Se proprio devo trovarci un neo.
Speravo in qualche punto di ristoro in più…. dai, siamo nella patria dei biergarten….ma comunque la parte “bier” non manca.

Giornata splendida, davvero.