Il mare d’ottobre

Sono stata al mare, dopo i Briganti e prima di Assisi. Una notte e un giorno. Pochi sanno che anche a me piace il mare, ma decisamente non in estate. Troppo caldo e troppa gente. Lo adoro quando inizia a far freddo, nel periodo della raccolta delle olive e non c’è praticamente nessuno. Ad ottobre è un continuo assaggio di olio appena franto, meglio se su un pane croccante. Ho camminato lungo la spiaggia, scrivendo sulla sabbia e aspettando che le onde cancellassero i miei pensieri. Il mare rimette ordine tra idee e desideri. Ho cercato di ascoltare tutto quello che aveva da dirmi.

Alle Cinque Terre vale la pena prendere il treno. Da Monterosso a Riomaggiore, le due estremità. Prima e ultima o ultima e prima, come preferite. La cosa bella è visitarle una alla volta nel rientro e poi dove si può, raggiungere una delle tappe a piedi.

Nell’ordine io ho fatto così e a dir la verità vi consiglio vivamente questo percorso (pura fortuna).
Andata: Monterosso – Riomaggiore in treno con la Cinque Terre card Trento (16,00 Euro).
La Cinque Terre Card Treno include:
– Viaggi illimitati in treno sulla linea La Spezia – Cinque Terre – Levanto (con Cinque Terre Express, treni regionali seconda classe)
– L’accesso ai sentieri del Parco Nazionale delle Cinque Terre
– L’utilizzo dei servizi navetta all’interno del parco
– Entrata ridotta ai musei civici di La Spezia.

Rientro: Riomaggiore – Manarola – Corniglia sempre in treno dopo averle lungamente visitate. Ma Corniglia – Vernazza rigorosamente a piedi.
Un sentiero meraviglioso, tra uliveti e tratti di scogliera. Corniglia è il più piccolo dei 5 borghi e si trova su un piccolo promontorio a 100 metri sopra il mare. Il sentiero non è assolutamente faticoso e per fare 4 km ci vogliono due ore (solo perchè si fanno un milione circa di foto). Anche Monterosso è raggiungibile a piedi. Pochissime persone e solo il rumore delle onde. Nell’aria un profumo dolce di fiori bianchi.

Dal 1997 le Cinque Terre sono inserite dall’ Unesco nella “WORLD HERITAGE LIST” (Patrimonio Mondiale dell’Umanità).