Giorno 2. San Valentino.

Perfetto.
Non bastavano i 60 giorni di “niente-dolci-niente-fritti-niente-formaggi-niente-alcol-niente-di-niente”, doveva arrivare pure San Valentino.

E cosa c’è? Direte voi.
Cosa c’è…. in questo momento pagherei oro per una cucchiaiata di quella crema di cacao che ho in dispensa….o per un calice di una splendida riserva di rosso.

E siamo solo al giorno 2.

L’unica nota positiva della giornata è che ho davvero degli amici stupendi. E non per i regali… perché chiunque può compare un regalo, può spendere per un oggetto e non metterci sentimento, emozione, cuore.
Sono felice perché la formina in legno per il burro intagliata dal mio amico Alan e i biscotti fatti dalla mia amica Serena sono preziosi. Perché mi hanno pensata. Nonostante questa festa sia stata sempre un disastro in passato, apprezzo chi ha dedicato un pensiero d’affetto per me.
E la cosa divertente è quando senti quelle frasi tipo “è una festa commerciale, dovrebbe essere amore sempre…”. Concordo, ma in linea di massima, per il senso seguente.

Per me niente è obbligatorio e non deve essere un’imposizione qualsiasi pensiero in qualsiasi giorno. Ma se dovesse coincidere il pensiero nel giorno degli innamorati ….va bene lo stesso! Così come apprezzo un messaggio o un foglietto di carta con una parola… Tutto ciò che dedichi ad una persona che sia tempo o qualsiasi altra forma… è da apprezzare.

Comunque l’unica cosa che conta veramente è che oggi è San Valentino e non pubblicherò le foto tristi dei piatti di oggi… ma sappiate che nonostante tutto, proprio tutto, non ho toccato niente della lista di ingredienti che ho deciso di eliminare per 60 giorni.
Ma tra farro e verdura…spero arrivi in fretta il giorno 59!!
Foto in evidenza da Pinterest